Questo sito si avvale di cookies, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. 
Continuando a visualizzare il sito o premendo ok acconsenti all'uso dei cookie.

11 23

Il 27 dicembre nella cittadella della Carità si terrá il Concerto Gospel del Centro Artistico Nuova Arcadia di Torre del Greco. Il tema di questo Natale 2017 è "dal  buio di una grotta una luce di speranza", come sempre il concerto si terrà nella Monumentale Chiesa di San Sebastiano Martire in pieno centro storico ed è realizzato dall'ATAPC, PROTEZIONE CIVILE con il patrocinio del Comune di VISCIANO, assessorato eventi la cui titolare è LUCIA Lieto. Come sempre l'iniziativa si deve al maestro Liborio D'Urso che da tanti anni è presente con le sue iniziative estive e non a VISCIANO. Il concerto si avvale della collaborazione del Comitato FESTA di Luglio presieduto da Giovanni Sirignano. Padrone di casa e timoniere dell'evento il presidente dall'ATAPC GIOACCHINO IOVINO che con i suoi collaboratori è sempre più disponibile attraverso il volontariato per la difesa del decoro e sicurezza del patrimonio religioso e non solo.
Protagonisti dell'evento, senza dubbio sono i giovani del Centro Artistico Nuova Arcadia che presenteranno canti natalizi famosi in stile gospel e popolari di Sant'Alfonso e altri autori internazionali e non. L'evento è in programma alle 18,30 del 27 dicembre è sarà introdotto da Nicola Valeri dopo il saluto istituzionale del sindaco Gianfranco Meo, dell'assessore Lucia Lieto e il presidente dell'ATAPC Gioacchino IOVINO.           

Nicola Valeri

 

11 02

Attraverso i social come Facebook, alcuni cittadini della cosiddetta Cittadella della Carità lamentavano comportamenti incivili di alcuni soggetti che approfittando della festa blasfema di HALLOWEN nascondendosi dietro a una maschera e costumi da strega hanno suscitato panico e con pura inciviltà hanno lanciato uova marce, vernice e spray imbrattano terrazze, balcone e finestre di alcune zone del paese come Rione Giordani e Viale Europa, via del Lavinaio ed altre strade. Ovviamente questi soggetti sicuri in preda all'alcol si sono trasformati in vandali per una notte. Nessuno li conosce, nessuno li ha visti ma indignazione sul social con tanto di foto di terrazza "diventate verdi" dicono alcuni. È la prima volta che questa ricorrenza, sempre festeggiata a VISCIANO arrivi all'esagerazioni. Alcuni parlano di qualche dispettuccio e questi soggetti hanno aspettato  questa occasione per togliersi qualche sassolino dalla scarpa. Fino ad ora, al di là di reazioni sul social non c'e stato alcun commento da parte delle autorità si civiche che religiose. Non sappiamo se alle forze dell'ordine sia giunta qualche reazione o denuncia.  Nicola Valeri

 

 

10 10

Notizia che era nell'aria da gennaio scorso, ma questa volta è ufficiale. Ed è la PROLOCO, attraverso il suo presidente Felice La Manna a comunicare attraverso i social, in particolare sulla sua pagina Facebook che il Presepe Vivente dopo 18 anni non si farà. Decisione dovuta a vari motivi organizzativi e mancanza di fondi delle istituzioni, in particolare il comune che si è limitato a concedere il cosiddetto patrocinio gratuito, le aree del centro storico per la realizzazione delle scene e qualche manutentore con l mezzi del Comune. Evento, come molti ricorderanno nato 18 anni fa e creato in occasione del giubileo 2000 e fu il Comitato festa di quell'anno ad ideare l'iniziativa. Tanto entusiasmo allora, forse perché era una novità per VISCIANO Tanta collaborazione di un Paese unito e associazioni collaborando. Un comitato promotore che era un caro e proprio pilastro. Tutti uniti nell'ideare e costruire le scene della Piccola Betlemme e la scenografica Natività con la famiglia di Nazareth. Poi negli anni sono nate le crepe, divisioni nel gruppo promotore, divisioni nel paese. È prevalso il campanilismo più che resterà uniti. Forse anche la politica che è entrata con prepotenza ha caratterizzato questo clima. I mancati finanziamenti dovuti ad un patto di stabilità atroce ha fatto il resto. Poi un centro storico che negli anni ha cambiato aspetti. In tanti hanno costruito senza tener conto dell'antichità di strade e porticati. Gli abitanti hanno cominciato negli anni una reazione di disturbo più che di collaborazione. Il Presepe Vivente era stato ereditato dalla PROLOCO allora presieduta da Claudio Napolitano. Un protocollo d-intesa stilato dal Comune e dall'allora sindaco Domenico Montanaro che però non garantiva nessun finanziamento pubblico, a parte manutentori, mezzi e concessioni aree in cui realizzare le scene. Pensandoci bene e come dire 'armiamoci e partite'. È così è stato. I volenterosi giovani della PROLOCO anche con l'aiuto del vecchio comitato promotore così ha fatto. Nonostante le continue insidie metereologiche e ostacolino vari (qualcuno faceva anche la danza della pioggia, della neve e vento) si è tirati avanti. In questi anni tante passerelle di politici e tanti buoni propositi, che sono rimasti tali. Adesso le reazioni al post non si sono fatte attendere. Tutti solidali invitando a non mollare. Forse sembrano lacrime di coccodrillo? o sotto sotto qualcuno gode?          
Nicola Valeri

10 23

La pioggia battente del tardo pomeriggio ha costretto gli organizzatori ed annullare la prevista FESTA DELLA VENDEMMIA organizzata, anche quest'anno, dal Consiglio Comunale delle Donne, organo istituzionalmente costituito alcuni anni fa dall'amministrazione del sindaco Pro tempore Domenico Montanaro. Oggi, sotto la presidenza di Antonella RUFINO é un associazione molto attiva sul paese collinare con la realizzazione di eventi culturali, musicali e sagre come la Festa della Vendemmia che ripercorre un'ottima tradizioni della civiltà contadine della Cittadella della Carità. Un iniziativa realizzata in collaborazione con gli istituti locali; il "G.Rossini" e l'istituto parificato del Villaggio del Fanciullo. Manifestazione che si avvale del patrocinio della Civica Amministrazione con il sindaco Gianfranco Meo . Le avverse condizioni climatiche e l'impossibilità di allestire la mostra con attrezzi agricoli per la vendemmia in piazza ha costretto gli organizzatore ed annullare l'evento. Un Po di rammarico da parte del Consiglio Comunale delle Donne ma un  po di sollievo da parte del contadini per la pioggia che da un mesetto non cadeva su VISCIANO.               
Nicola Valeri

 

MeoUna congregazione nata quasi in contemporanea con l missionari, quella delle suore chiamata dal suo fondatore “Padre Arturo D’Onofrio” “Piccole APOSTOLE della Divina Redenzione”. FIORAVANTE Meo, noto scrittore di storia patria e biografo di Padre Arturo a voluto rendere omaggio alla suore che con Padre Arturo e Madre Anna sono diventate un caro viatico della missioni in Italia, America Latina e India. In questo Paese asiatico una troupe di religiosa é presente nel Letale dove Madre Nunzia, attuale Superiore guidò le prime suore anni dà. FIORAVANTE Meo, uno dei primi zelanti dell’Opera ha voluto descrivere il cammino delle suore dalla casa di Torre Annunziata, una delle prime fondate da Padre Arturo alla Combia e India. Il convegno si è tenuto nella Sala del Villaggio del Fanciullo, casa madre dell’Opera alla presenza di numerosi relatori fra cui il preside Domenico Montanaro a Parte Vito Gaston, primo superiore generale dei Missionari dopo Padre Arturo. Due interventi distinti del due sulle suore come educatrici e la loro presenza spirituale nelle missioni nel Terzo Mondo oltre che in Italia. La figura delle superiori generali da Madre Anna, poi Madre Rosa e ultima, tuttora in carica Madre Nunzia che é intervenuta all’incontro insieme alla sua Vicaria suor Elisabet. Poi c’è stato il saluto istituzionale del sindaco di VISCIANO, definita da molti biografi, la Culla dell’Opera, Gianfranco Meo che ha ribadito l’indispensabile ruolo delle suore negli per una crescita sociale ed educativa dell’Opera. Concetto ribadito dal Preside Montanaro che ha ricordato il ruolo sociologico delle suore. Tutti i relatori si sono complimentato con l’autore che nonostante la sua veneranda età (ultra novantenne per l’esattezza) l’augurio che sua instancabile opera di scrittore continui con altre pubblicazioni. Un prof. Meo, figlio di VISCIANO che con voce tremante ed emozionato ringraziava i presenti in sala. I lavori sono stati moderati dal prof. Mimmo Napolitano, presidente dell’associazione culturale il Carro. Convegno mandato in diretta via web da VISCIANO PIÙ anche per permettere alle numerose suore presenti nelle missioni in America Latina e India di seguire il convegno.
Nicola Valeri

Offrici un Caffe


 

servizioWhatsApp

animazione accademia

bannerq

Nicola Valeri

NicolaValeri

Nicola Valeri, Viscianese,
speaker Radiofonico. 
Giornalista pubblicista dal 2004.
Cura Eventi, Rassegne, Sfilate di Moda
collabora con numerose t
estate
cartacee locali e online.

News più lette