Questo sito si avvale di cookies, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. 
Continuando a visualizzare il sito o premendo ok acconsenti all'uso dei cookie.

04 12

Da domani in quella che in gergo chiamiamo la “Cittadella della Carità”,  inizierà il Triduo Pasquale in Parrocchia e al Santuario. Qualche delusione emerge tra i cittadini in quanto la “PASSIO” del Venerdì Santo quest’anno non ci sarà. Il presidente, Angelo La Manna, motiva a malincuore la decisione di fermarsi per qualche anno in quanto, ne le associazioni parrocchiali, ne tantomeno i cittadini, che sempre si sono impegnati negli anni scorsi, hanno dato la loro disponibilità  per realizzare l’evento, per questi motivi si è preferito soprassedere quest’anno per evitare una PASSIO “rimaneggiata”. Certo è un pessimo biglietto da visita per la comunità che rischia di compromettere anche il “Presepe Vivente” per gli stessi motivi. Sono otto anni che i Battenti hanno organizzato questo evento, che è stata ed è una delle manifestazioni più sentite a Visciano insieme alla Festa di Luglio e il Presepe Vivente. Domani giovedì Santo c’è la Messa Crismale nel Duomo di Nola dove verranno benedetti gli oli che il vescovo donerà alle parrocchie della Diocesi per il battesimo, unzione degli infermi e Ordine Sacro. Il rito ci sarà alle 11, e verrà officiato, per il primo anno da quando è Vescovo di Nola, da Monsignor Francesco Marino con il parroci e religiosi della Diocesi. Nel pomeriggio, o meglio in tarda serata nella Parrocchia “Santa Maria Assunta in Cielo” e nel Santuario della “Madonna Consolatrice del Carpinello” verrà officiato il rito della MESSA COENA DOMINI e LAVANDA DEI PIEDI. Al termine verranno aperti i SEPOLCRI ( ALTARE DELL’ADORAZIONE) dove i gruppi resteranno in adorazione fino a tarda sera. Il Venerdì Santo è il giorno del rito della “MESSA SECCA”, ossia l’ADORAZIONE DELLA CROCE e Processione del CRISTO MORTO con la Vergine Addolorata che verso le 20 esce dalla Parrocchia. Sabato Santo è il giorno della Veglia Pasquale con la Messa di Resurrezione preceduta dalla benedizione dell’acqua e del fuoco. 
Nicola Valeri.

04 04Nell'ultima sessione di bilancio scongiurata la bocciatura del documento finanziario, grazie alla presenza in Aula dell'unico consigliere di opposizione Franco ACIERNO che ha assicurato il numero legale, pena il non passaggio del Bilancio e arrivo del Commissario Prefettizio a qualche mese dalle Comunali dell'11 giugno prossimo. Evenienza scongiurata qualche anno fa dopo il passaggio all'opposizione di SOVIERO (candidato a sindaco nelle prossime elezioni) e TRINCHESE. I due dissidenti non si dimisero dal Consiglio e accusavano i due membri dell'opposizione, in particolare, Conte, di fare da "stampella" alla maggioranza. Poi si dimisero, anche se in tempi diversi, sia MONTANARO che CONTE e chi subentrarono FRANCO ACIERNO e MARIA LA MANNA (la piu' votata alle elezioni di cinque anni fa). Molti osservatori dicono che l'astensione di ACIERNO sul Bilancio non sia casuale e che ci sia stato un patto con la maggioranza gia' in numero ristretto in Aula per evitare una finitura della consiliatura connil Commissario che avrebbe gestito l'ordinaria amministrazione e le elezioni dell'11 giugno. ACIERNO, secondo altre fonti, sarebbe candidato nella lista Movimento Popolare di Meo GIANFRANCO. Lista, come si sa, appoggiata anche dal sindaco uscente PELLEGRINO' GAMBARDELLA. L'altro membro della minoranza, MARIA LA MANNA, avendo partecipato ad un solo Consiglio Comunale, cior' quello della surroga, e' sta sempre assente negli altri e quindi non decifrabile il suo comportamento. È il caso di dirlo; "si tira a campare" in auesto periodo in attesa di tempi migliori. Ormai tutti aspettano l'11 giugno per decifrare un nuovo Consiglio Comunale e un nuovo sindaco, consiglio piu' numeroso come la giunta visto che la legge è stata rivista. Tutti sperano e speriamo che ci sia piu' voglia di amministrare, partecipazione dei cittadini ai Consigli, quasi sempre deserti tranne in qualche occasione e un paese dove piu' che criticare in piazza sia piu' attivo, e non solo in campagna elettorale per 365 giorni all'anno. Nicola Valeri

Altro round verso le COMUNALI dell’11 giugno a VISCIANO. GIANFRANCO MEO, candidato sindaco per la lista Movimento Popolare, dopo aver rinnovato la tessera del Pd, scrive ai Democratici dell’Area Metropolitana di Napoli e dice chiaramente che la sua lista che presenterà alle elezioni, anche se di connotazione civica, effettivamente è anche lista di centrosinistra e del Pd. Infatti c’è l’ufficializzazione dell’accordo col PD locale. Non è certa la presenza di componenti del direttivo PD in lizza, tantomeno il segretario in lista. Inizialmente il partito aveva scelto un proprio candidato a sindaco, sfumato però dopo che l’interessato ha fatto dietrofron. Meo, giocando d’astuzia, essendo un tesserato del partito e sostenitore la volta scorsa della lista “VISCIANO, STORIA FUTURA”, ha chiesto a questo punto ufficialmente il sostegno al partito. Da ricordare che Movimento Popolare è appoggiata anche dal sindaco uscente Pellegrino Gambardella e dal suo schieramento di Centro. Fondamentale questa alleanza  vede la lista di Meo favorita. Al momento l’unico a contrastarlo è il dottor LUCA SOVIERO con “RISVEGLIO CIVICO” che cinque anni fa aveva contribuito al successo elettorale dell’UDC e del dottor Gambardella. Udc che vive una forte crisi locali e lo stesso leader Gambardella fara’ convergere i suoi consensi per il Movimento Popolare partecipando direttamente con propri rappresentanti. Altre iniziative sembrano al momento arenarsi in mancanza di colpi di scena all’ultimo momento. Al momento stanno a guardare i probabili competitor dell’asse Meo-Gambardella. Nicola Valeri


LETTERA APERTA AL PARTITO DEMOCRATICO

Visciano 29 Marzo 2017

Egregio segretario PD di Visciano e segretario PD della provincia di Napoli

scrivo la presente nel proporvi di affrontare insieme la sfida delle ormai prossime elezioni amministrative del Comune di Visciano avviando fino alle prossime ore un dialogo pieno e senza pregiudizi tra il sottoscritto candidato a sindaco di Visciano con la Civica Movimento Popolare e democratici della sezione locale

Gli ultimi sei mesi sono stati caratterizzati da equivoci riconducibili a responsabilità diffusa e confuse forse in generati da difetti di comunicazione ma privi di avere divergenze progettuale e programmatica come risultato ne è scaturito una sfogata attenzione sull' obiettivo Fisciano questa comunità in attesa di essere governata mettendo al centro dell'agenda politica i valori della solidarietà e della vita delle persone invalidano la buona pratica amministrativa riguadagnando un rapporto responsabile e sostenibile con la natura tuttavia nonostante i suddetti incidenti percorso sono fermamente convinto della possibilità di trovare è un punto di equilibrio tra le forze della società civile che hanno caldeggiato la mia candidatura e il Partito Democratico alla quale sono iscritto con il buio sin dalla sua fondazione il fatto che il partito a Visciano non abbia ancora ufficialmente indicati il proprio mandato a sindaco per le imminenti elezioni amministrative credo sia segno inequivocabile di una complessa quando sei la riflessione interna che ospita possa portare ad una scelta rispettosa dei valori comune delle tante battaglie e già affrontate

non ha senso correre divisi!

sarebbe qualcosa di naturale difficile della presentato un'opinione pubblica restia a comprendere ed elaborare insensate motivi della separazione oltretutto quale giovamento ne tra il partito e il momento di quadri di guardarsi negli occhi di ritrovare la spinta umanitaria di matrice lista che ci portano 10 anni fa a codificare nuovi linguaggi a percorrere strade mai camminate in ultima analisi a condividere un'esperienza quasi genitoriale, unica ed entusiasmante della creazione di una creatura politica

E' il momento di essere uniti nel certo del vostro solo interesse della riunione di disponibilità al confronto nel giorno del dibattito intorno alle mozioni congressuali nell' augurare un profilo un proficuo lavoro vi porgo cordiali saluti

Gianfranco Meo

 Clicca per ingrandire

04 03 1pagina04 03 2pagina

04 03 consiglio

Consiglio Comunale, forse uno degli ultimi prima del voto dell’11 giugno quando la cittadinanza sarà richiamata al voto per  rinnovare la carica di sindaco del Consiglio Comunale. Assemblea consiliare alle sue ultime battute, presieduta da Virginia Luigia Palmare, che ha licenziato l’ultimo bilancio di questa amministrazione giunta al traguardo di un iter quinquennale tra contraccolpi e varie crisi nella maggioranza con la “cacciata” dalla giunta di Luca SOVIERO e Giovanni TRINCHESE. Anche tra le minoranze abbiamo visto le dimissioni, prima, di Carmine Montanaro e da qualche mese dell’avv. Giovanni Conte, surrogati da Franco Scherno e Maria La Manna. Il bilancio passa con il voto a favore di ciò che resta della maggioranza e l’astensione di Acierno, unico presente per la minoranza. Assente, invece Maria La Manna. Assenti anche Luca Soviero, candidato a sindaco, e Giovanni Trinchese.  Aula deserta, con qualche sporadica presenza di addetti ai lavori. Come spesso accade in ogni finitura di consiliatura si pensa al voto e molti sono già in campagna elettorale. Dopo le vicende che hanno caratterizzato i cinque anni di questa amministrazione, il sindaco decide di rinunciare al secondo mandato (sarebbe il quarto se si pensa al ciclo precedente) e sponsorizza la candidatura del dottor GIANFRANCO MEO che presenta una lista espressione di Centrosinistra-Pd con denominazione Movimento Popolare. L’altro candidato, almeno per ora, è il dottor SOVIERO LUCA con la Civica di Centro Risveglio Civico che cinque anni fa era alleato con l’UDC con sindaco Pellegrino Gambardella. Alleanza apparsa subito fragile e conclusasi con la “cacciata” dell’attuale sindaco dalla giunta del dottor SOVIERO e di Giovanni TRINCHESE dopo la famosa lettera al vetriolo a firma di quest’ultimo che accusava il primo cittadino di mancata collegialità. Nicola Valeri

Foto Album Facebook qui

Risultati Convenzione Circolo PD Visciano:
Matteo Renzi 44
Andrea Orlando 36
Michele Emiliano 0

Risulta eletto come delegato provinciale:
Ferrante Carlo Giovanni

Le votazioni si sono svolte presso la sede locale PD Visciano in Corso del Carpine 

dalle 19.00 alle 22.00 del giorno 29 marzo 2017


03 29 primarievoto

Questo e il risultato delle tre mozioni congressuali del circolo di Visciano. Vince la mozione di Matteo Renzi appoggiata dal segretario, Sabatino Trinchese, segue di poco, 36 preferenze, Andrea Orlando mentre Michele Emiliano, governatore della Puglia, non ha conseguito alcun voto. Quindi anche a Visciano prevale, anche di pochi voti Matteo Renzi appoggiato dal segretario e dal parlamentare Massimiliano Manfredi. Andrea Orlando, attuale Guardasigilli è appoggiato da Gianfranco Meo, attuale candidato a sindaco per le prossime comunali viscianesi dell’111 giugno. Resta all’asciutto Michele Emiliano. Nicola Valeri

servizioWhatsApp

animazione accademia

Eventi

<<  Aprile 17  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
       1  2
  3  4  5  6  7  8  9
10111213141516
171819212223
24252627282930

bannerq

Nicola Valeri

NicolaValeri

Nicola Valeri, Viscianese,
speaker Radiofonico. 
Giornalista pubblicista dal 2004.
Cura Eventi, Rassegne, Sfilate di Moda
collabora con numerose t
estate
cartacee locali e online.

News più lette