Questo sito si avvale di cookies, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. 
Continuando a visualizzare il sito o premendo ok acconsenti all'uso dei cookie.

So' frevaro e songo curto
se la pigliano cu mme:
vuje dicite ca jo so' curto
e jo ve 'mparo de parlà'...

Jo ve faccio murì' 'e famma,
accussì vacanta 'a panza,
ve 'mparate la crianza
e nun parlate contr''e me!

Vuje sapite ca nun surrèjo
e dicite :faccio pena!
E si nun ve voglio bene
nun avite che mme fa'!

Vuje sapite che ve faccio?
Jo ve dongo 'sti turmiente:
acqua,neve,friddo e viento
e gghialàte 'nquantità...

E si chesto nun v'abbasta
jo ve scarreco 'e mascune
fino a dinto a li fucune:
chesto 'o curto ve farrà...

Vuje dicite:"è scarzo,è scarzo",
ma nun aggio corpa jo
chell'è corpa è mamma mia
ca penzaje 'e s'addurmì;

nun guardate a Sant'Aniello!
E po' chillu fesso 'e tata
s'abbuffaje 'e paglia 'e prato
chella sera e niente cchiù.

Ecco dunque la raggiona
della mia lunghezza scarza;
ma mo' vène 'o mese 'e marzo
ch' ha tre gghiuorne cchiù de me...


Offrici un Caffe


 

servizioWhatsApp

animazione accademia

bannerq

News più lette