Questo sito si avvale di cookies, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. 
Continuando a visualizzare il sito o premendo ok acconsenti all'uso dei cookie.

vesuviocupolone

Stasera in piazza alla vigilia del tanto atteso concerto di Gigi D'Alessio è di scena alle 21,30 (stasera) lo spettacolo 'DAL VESUVIO AL CUPOLUNE' osso un viaggio canoro e scenografico tra la canzone partenopea e quella trasteverina. Omaggio ad artisti di un tempo come Enrico Caruso, Sergio Bruni, Claudio Villa e Nino Manfredi. Due simboli della Napoletanita' e Romanita' che sono il Vesuvio e il Cupolone. Lo spettacolo del grande maestro Tony Iglio vede artisti famosi del panorama musicale partenopeo come Franco Cipriani e Luca Nasti. Ovviamente la piazza di recente ristrutturata appare simile a un salotto e possiamo dire un teatro all'aperto. Il tutto realizzato dal Comitato festa presieduto da Sebastiano Montanaro. Nicola Valeri

panegirico16Come da tradizione la Festa in onore della Madonna del CARPINELLO si chiude il martedi' con la Processione nel Centro Storico. Tempo clemente dopo aver piovuto nel pomeriggio. Qualcuno ha detto la MADONNA ha voluto visitare il suo popolo anche quest'anno. Poi il PANEGIRICO di padre Gianni che ha ricordato la storia e le virtu' di una fede sempre crescente tra il popolo Viscianese e la sua Vergine. La figura e le opere di PADRE ARTURO ma non sono mancati momenti di emozione quando la Madonna e stata portata a spalla da validi cullatori al Rione Giordano, tra gli ospiti della Casa 'VILLA DEL CARPINE' e nella classica salita di Via Monte Grappa. L'attendevano gli ammalati e vecchietti agli angoli delle proprie case. In tanti hanno donato offerte ed ex voti. Al grido di VIVA MARIA E VIVA PADRE ARTURO la Processione ha attraversato il Corso e la piazza del paese e sotto una galleria fantastica di luci e il suono delle bande musicali. L'ultimo tratto la Madonna passa tra i ceri alzati dai fedeli. Un atto di fede e amore anche per i tanti cristiani perseguitati dal terrorismo islamista. L'ultimo atto barbaro stamane nella Chiesa di Saint-Etienne dove un sacerdote ultraottantenne è stato sgozzato. Anche PAPA FRANCESCO che si trova a Cracovia per la giornata della Gioventu' ha parlato di terza guerra mondiale e ha chiesto di pregare per tutte le vittime del terrorismo. Nicola Valeri

Foto e Video sulla nostra pagina facebook

MadonnaOro2

La Madonna copèrt d''orò (ex voti) uscira' dal suo Tempio per la seconda volta per l'altra parte del paese, ossia rione Giordani, proseguendo poi per Piazza Padre Arturo, Corso del CARPINE, vis C. Veneto, via Papà Giovanni, via Manzoni, via Trieste, via Roma, via Monte Grappa, via Diaz, Corso Umberto e tutto il corso. Una processione molto partecipata gia' che oggi si conclude la festa religiosa. Al termine il Solenne PANEGIRICO di Padre GIANNI DI GIANNO dei frati Minori Francescani da TAURANO (AV). Al sacro rito prenderanno parte l'associazione BATTENTI e ovviamente il clero. Dietro la statua che risale al 1700 il Comitato e autorita'. Unica raccomandazione è quella di evitare certe intemperanze viste domenica sera. La spavalderia di alcuni fortunatamente pochi ci fa fare solo brutta figura e la Madonna non ne sarebbe certo contenta. Ad ognuno il proprio ruolo. Occorre il rispetto reciproco tra autorita' religiosa e altri. Nicola Valeri

MadonnaOro

La festa inizia di buon mattino con il lancio di granate al ciielo e al suono delle bande pugliesi. Ieri la tradizione del CARRO con le canzoni dedicate alla Madonna e a PADRE ARTURO, SERVO DI DI SUO. Stamane il concerto delle 12 CAMPENE del maestoso Santuario e al suone dell'ANGELUS inizia il giorno piu' solenne della feststa. Sempre stamane alle 10 è partito il corteo con la BANDIERA dei BATTENTI per essere esposta presso l'abitazione della famiglia la SALVATORE TRINCHESE, al quale il presidente dell'associazione ANGELO LA MANNA dona una targa ricordo. Oggi alle 19,40 la PROCESSIONE DELLA MADONNA rivestita D'ORO (ex voti) per la parte nuova del paese. Al rientro la MESSA solenne nel Palco del CAMPANILE. IL sacro rito è animato dalla recita del ROSARIO e presieduta da DON EGIDIO PITTIGLIO, superiore generale del MISSIONARI della Divina Redenzione e animata dal suono di EVVIVA MARIA di Sant'ALFONSO intonati dal popolo con il suono delle bande musicali. L'itinerario della processione prevede dal Santuario e via Lancellotti, Vis CAMALDOLI, rotonda piazza Salvo d'Acquisto ( caserma Carabinieri) vis Garibaldi, via C. SIRIGNSNO (farmacia) piazzetta D'ELIA e via 24 Maggio e via Verdi e ritorno. Corso del CARPINE, piazza PADRE ARTURO e Palco del CAMPANILE. È Un caro momento di fede e preghiera verso la MADONNA da parte del suo popolo. Una fede, anche con qualche contraddizione, ma rimane tale. Luglio è proprio il mese dedicato alle SUA MADONNA. Nicola Valeri.

La forte perturbazione abbattutasi su Visciano verso le 15 di oggi 25 Luglio 2016 ha creato non pochi problemi di viabilita' e qualche allagamento nei piani bassi delle abitazioni. Un paese in festa ma non risparmiato dal forte temporale, gia' previsto dalla protezione Civile e che imperversa nel centro Sud. E SUBIRE il danno piu' consistente Ele CRIPTA del Santuario e la TOMBA DI PADRE ARTURO. Luogo, MEGLIO noto come la TERRA SANTA e dove c'è il resto del vecchio Santuario. Provvidenziale l'intervento degli operatori dell'ATAPC guidati da GIOACCHINO IOVINO. In poche ore il luogo sacro è stato liberato dall'acqua che ha interessato l'Inter a area del Santuario. Perturbazione che ha risparmiato il pellegrinaggio dei BATTENTI svoltosi regolarmente. Nicola Valeri

Come in ogni SABATO DELLA FESTA, oggi, verso le 23 esce il CARRO ALLEGORICO dove verra' presentata la canzone dedicata alla Madonna. Tradizione nata nel 1931 per lo scampato terremoto che l'anno prima colpi' la Campania e VISCIANO. E scrivere la prima canzone 'FEDE E POPOLO' fu il compianto RAFFAELE MONTELLA, CHE fino all'anno DELLA sua scomparsa non fece mai mancare la sua canzone per il CARRO. Negli anni è cambiato l'allestimento, la musicalita', gli strumenti e ovviamente autori e cantanti ma la tradizione resta. Forse e il momento piu' sentito della festa, insieme alla processione e ai BATTENTI. IL CARRO viene allestito il sabato mattina dalla famiglia FERRANTE in via Roma e dal maestro Felice Ferrante e fratelli. Poi, all'imbrunire il CARRO viene trasferito in via 24 MAGGIO e in corteo con l'associazione e il Comitato si trasferisce in piazza PADRE ARTURO D'ONOFRIO. Dopo la Messa per uomini e giovani, alle 22,00 con l'accensione delle luminarie si posiziona sotto il CARPINE. Sotto la direzione artistica di NELLO SGAMBATO e allo sparo dei fuochi inizia la kermesse. Presentato dal presidente dell'associazione IL CARRO MIMMO NAPOLITANO si inizia COME da tradizione con O CARRO DA MADONNA E I SABBATO DA FESTA eseguite dell'orchestra MINALE e cantate dal concittadino DOMENICO LA MANNA. Decine i cantanti, locali e non. Immancabile, come ogni anno, il tenore DARIO RUSTICHELLI, MARILENA MIRRA E RAFFAELLA DE SIMONE. Poi, ANNA MARIA D'ELIA, VITTORINO MONTANARO, MICHELA DE ROSA, MARIO IOVINO, ALESSIA NOCITA E ALTRI. Vengono eseguite canzoni scritte dal 1931 ed oggi di RAFFAELE MONTELLA, SEBASTIANO ADDEO, ANTONIO FOGLIA, GIOVANNA FERRANTE, FIORAVANTE MEO, DOMENICO MONTANARO, ARIOSTO PRUDENZIANO, DON PIERINO MANFREDI , FELICE MONTELLA ed altri. Canzoni dedicate al culto Mariano, alle figura di PADRE ARTURO E al proprio paese. O' VILLAGGIO E L'ORFANELLO, A"  MADONNA MIEZ E ROSE, VISCIANO STA NFESTA, NON E' SUONNO, PRIM E LASSA' STA TERRA, NON CE SCURDAMMO E TE, TIEN I NOMME DA MADANNA, E SURDATE DA MADONNA, FIGLIE D'EMIGRANTE, E CROCE LUCENTE, E DOJE CHIESE, E STORIA NOSTA e tante altre.
Davanti al Santuario e un momento di fede più in piazza, E nostro avviso, vi e un salotto da rivedere. Forse l'orario e direi la stanchezza.
Al di la' DI TUTTO facciamo notare anche qualche malcontento evidenziato anche attraverso il blog. Qualche cantante, i cui motivi non sono chiari, sarebbe stato escluso i non invitato. Certo il CARRO è e deve essere un momento decisionale e non una passerella.Le polemiche, se ci sono, avranno il loro momento e speriamo un chiarimento. L'unica preoccupazione è che certe radici di fede e tradizione vengano sostituite dall'esibizionismo di troppo e del solito IO SONO, IO DECIDO.
  Nicola Valeri

Offrici un Caffe


 

servizioWhatsApp

animazione accademia

bannerq

News più lette